News

Un weekend intenso per i futuri Project Manager e i Fundraiser!
,

Un weekend intenso per i futuri Project Manager e i Fundraiser!

Dal 21 al 24 gennaio 2016 si è tenuto un inteso weekend di workshop sia per i corsisti del Master in Project Management, sia per gli iscritti al Master in Fundraising: i primi sono stati impegnati nel Project Cycle Management e Logical Framework “by results”, Tecniche di progettazione e monitoraggio, i secondi in Strategie e tipologie di Fundraising – legacy, corporate, direct, web, community.

Andrea Stroppiana si è occupato delle principali cause di fallimento dei progetti e quadro logico. Si è trattato di lezioni molto interattive dove si sono alternate teoria, laboratori ed esercitazioni di gruppo. Alessio di Carlo nella giornata conclusiva si è, invece, concentrato sul tema del monitoraggio.

I lavori di gruppo sono stati l’occasione per mettere subito in pratica quanto appreso nella parte teorica, sperimentandosi nella formulazione di analisi di problemi, di obiettivi e strategie di un progetto di sviluppo preso ad esempio.

Un gruppo ha lavorato sull’ empowerment della donna in Tunisia, l’altro sulla sicurezza alimentare in un villaggio della Bolivia.

I ragazzi di Fundraising, invece, si sono occupati dello Startup di Fundraising in Italia e all’estero con un focus sui principali strumenti di gestione della raccolta fondi tra cui Redemption e Roi, grazie alla presenza in aula di Maria Carla Cardelli.

Giancarla Pancione di Save the Children ha approfondito il tema degli Individual Donors presentando le principali tecniche di acquisizione e fidelizzazione: in particolare, il direct mailing (per il quale ha fatto anche svolgere degli esercizi), il face to face, telemarketing, e-mailing, bomboniere solidali, 5×1000, sms e la presentazione del DRTV con il supporto di svariati video.

Stefano Malfatti (Istituto serafico di Assisi) ha presentato ai corsisti una delle tecniche di raccolta fondi con maggiore potenzialità di sviluppo: il Legacy (la percezione del testamento in Italia e all’estero, la piramide del donatore, i sette tipi di donatore, i requisiti e i tipi di testamento, il ciclo legacy.

Anna Maria Cinelli e MariaGrazia Smiraglia (Medici senza Frontiere) hanno spiegato tutte le fasi di organizzazione di eventi di raccolta fondi: pianificazione, organizzazione, budget, valutazione. Hanno poi affrontato la tematica del database (cos’è, come funzionano, perché è fondamentale) e del budget (struttura dei costi e flussi di ricavo La fase di controllo La fase di valutazione e gli indicatori di performance). A fine lezioni i corsisti hanno simulato un piano budget di una campagna.

Marica Fachin di Greenpeace Italia ha esposto le tecniche del digital fundraising alternando teoria a casi studio e esercitazione in aula: simulazione di una campagna di raccolta fondi online.

Nella giornata conclusiva, oltre ad affrontare il tema del Corporate Fundraising con Maria Carla cardelli, si è parlato del Community Fundraising con Veronica Manna.

Un weekend intenso, ma molto produttivo!


Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile, per raccogliere dati di utilizzo del sito e per effettuare attività di marketing. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" acconsenti al loro utilizzo.

Chiudi

SCARICA IL PROGRAMMA E
RICHIEDI IL COLLOQUIO
x